estinzione3

ESTINZIONE ANTICIPATA E DIRITTO AL RIMBORSO 

Le cessioni del quinto dello stipendio, accese sovente per un periodo di anni 10, venivano estinte anticipatamente su invito degli agenti o mediatori, che definivano l'operazione quale rinnovo, ma era invero una chiusura anticipata con stipulazione di un nuovo contratto di finanziamento che comportava ulteriori e ingenti costi fissi per il consumatore, il quale accettava pur di disporre di una minima liquidita' aggiuntiva. In questa ipotesi era previsto il diritto del consumatore ad ottenere un rimborso parziale di tutti i costi sostenuti a qualsiasi titolo e quindi sia degli interessi sia delle commissioni e polizze assicurative. Sovente gli istituti finanziatori omettevano di ottemperare al dettato legislativo ingenerando così un notevole contenzioso nanti l'arbitro bancario e i tribunali civili, conclusi massicciamente in favore del consumatore. Ovviamente la procedura di rimborso deve essere avviata correttamente e accedendo ad una competente lettura delle condizioni contrattuali e individuando i casi in cui la condotta del mutuante non è stata corretta.

Top